Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

LA CGIL CONTRO IL GOVERNO: RISPOSTE O SARA' SCIOPERO

Antonio Sciotto
da il Manifesto
18.10.2017


Manovra. Cgil, Cisl e Uil scrivono una lettera al premier chiedendo un confronto urgente. Furlan: sul piatto delle pensioni c’è «il vuoto assoluto». Camusso: «La legge di Bilancio favorisce le rendite e mantiene lo status quo». Re David (Fiom) vorrebbe muoversi subito

La legge di Bilancio infiamma le polemiche fin dal mattino: duro botta e risposta ieri tra la segretaria generale della Cgil, Susanna Camusso, e il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, che hanno incrociato i microfoni da due differenti trasmissioni radio. La leader sindacale ha spiegato a Circo Massimo di Radio Capital che la finanziaria appena varata «favorisce le rendite e mantiene lo status quo», non escludendo quindi uno sciopero generale. A stretto giro, da Radio anch’io Rai, Padoan ha replicato: «Mi chiedo quale legge di bilancio abbia visto», la nuova manovra «non corrisponde alla descrizione» di Camusso. In serata i tre segretari di Cgil, Cisl e Uil hanno chiesto un incontro urgente sulla manovra al premier: altrimenti non è escluso uno sciopero.

Tra i pro e i contro si sono poi via via inseriti in giornata tutti i principali partiti politici e i sindacalisti, da Di Maio a Renzi, da Brunetta a Salvini, fino a D’Alema e i segretari confederali. Il Pd ha ovviamente offerto pieno sostegno alla legge di Bilancio, mentre le opposizioni l’hanno bocciata senza riserve. Critiche anche da Cisl e Uil, soprattutto sulla parte pensioni. Mentre la Fiom Cgil è netta: la segretaria Francesca Re David chiede lo «sciopero generale».

INTANTO MATTEO RENZI è partito dalla stazione Tiburtina con il suo treno elettorale, con promesse rombanti: dichiarando «pieno sostegno al governo» sulla manovra, l’ex premier ha detto che «nella prossima legislatura dovremo fare un ulteriore Jobs Act», «individuare misure anche per i cinquantenni», e che serve «un’ulteriore riduzione delle tasse». Renzi pensa a una riedizione degli 80 euro: «Vanno individuate – spiega – nuove categorie non necessariamente per gli 80 euro ma per ridurre le tasse al ceto medio, perché non è accettabile che si allarghi la forbice tra chi sta bene e chi non sta».

All’attacco Massimo D’Alema di Mdp: «Gli sgravi fiscali possono incoraggiare a prendere un giovane per tre anni ma poi, quando finiscono, questo viene licenziato».

CGIL, CISL E UIL hanno dunque deciso di inviare una lettera al premier Paolo Gentiloni per chiedere un incontro urgente. In particolare i tre sindacati chiedono di inserire quanto previsto dall’accordo dello scorso anno sulla fase 2 della previdenza e un intervento per bloccare l’aumento dell’aspettativa di vita per le pensioni di vecchiaia. Nel frattempo prosegue la mobilitazione con assemblee nei luoghi di lavoro e iniziative sul territorio, ma per ora non si è presa nessuna decisione di sciopero.

Camusso, dal canto suo, ha così spiegato la sua contrarietà alla legge di Bilancio firmata Gentiloni: «Si è fatta una scelta politica: si poteva intervenire sulla finanza, sul patrimonio e facilitare chi lavora e chi produce e invece si è scelto di usare questo slogan sulle tasse («nessuna nuova tassa», aveva detto il presidente del consiglio, ndr), facendo credere che è una risposta a tutti e invece è una risposta solo ad alcuni, mantenendo la pressione fiscale alta».

SCIOPERO «PER ME non è una parola abrogata», ha poi aggiunto la segretaria generale della Cgil. «Valuteremo insieme a Cisl e Uil la risposta quando non si rispettano gli accordi. Il governo ha fatto una scelta politica. Questa manovra non dà nessuna prospettiva di cambiamento. È solo una sterilizzazione dell’aumento dell’Iva». Lo sciopero generale, insomma, non è affatto escluso, e poco più tardi la stessa Camusso, rispondendo questa volta ad Agorà Rai 3 su possibili proteste aveva aggiunto: «La prima cosa che dovremmo fare è discutere con i lavoratori».

Ma Padoan ritiene di aver fatto il massimo, e respinge le accuse: «Abbiamo messo risorse per gli investimenti pubblici, per gli investimenti privati, risorse per l’occupazione giovanile. Stiamo dando una scossa alla crescita», risponde a Camusso. E sulla previdenza: «Non è vero che non siamo intervenuti sulle pensioni. Ci sono misure come l’Ape sociale e l’Ape donna», ci sono «molti meccanismi introdotti, come per i lavoratori usuranti che hanno diritto ad andare in pensione prima». «C’è una legge concordata in sede Ue che tiene conto dell’allungamento delle aspettative di età», dice infine per spiegare l’impossibilità di modificare la legge Fornero.

Intanto si è saputo che per il 2018 le risorse stanziate per il Rei (reddito di inclusione) verranno incrementate di 300 milioni, portando così il reddito garantito a ciascuna famiglia da 480-490 euro a 530-540 euro (50 euro in più).

IL PIÙ CAUTO DEI SINDACATI resta la la Cisl: per la segretaria generale Annamaria Furlan «non c’è bisogno di rullare i tamburi». «Bene la decontribuzione per le assunzioni e i contratti del pubblico impiego – spiega – anche se la previdenza resta «una nota dolente», perché lì c’è «un vuoto assoluto».

Chi aveva fatto «rullare i tamburi»? Francesca Re David, segretaria generale Fiom, ritiene che «in questa manovra non c’è nulla a favore del lavoro, nulla sulle pensioni. Quest’anno finiscono gli ammortizzatori sociali e cominceranno i licenziamenti e anche su questo il governo non ha previsto nulla. A questo punto la risposta – conclude – può essere una sola, indire uno sciopero generale contro questa manovra». Idea che in serata Camusso commenta così: «La Cgil ha domani (oggi per chi legge, ndr) una discussione nella quale valuterà e farà le sue scelte».

AGGIUNGIAMO IL COMUNICATO STAMPA
sulla Legge di bilancio, PRC: «Inaccettabile la propaganda di Renzi. Un altro Jobs Act? Ci vuole davvero lo sciopero generale»

«Risulta davvero insopportabile la propaganda di Renzi sulla legge di bilancio e sull’operato del governo – dichiarano Maurizio Acerbo e Roberta Fantozzi, segretario nazionale e responsabile politiche economiche di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea – . Intanto i conti sul REI non tornano, perché con 300 milioni in più non si coprono affatto 160mila nuove famiglie ma al massimo la metà, continuano a restare fuori i due terzi delle famiglie in povertà assoluta e non si scalfisce neppure la condizione di povertà relativa che colpisce 8 milioni e mezzo di persone. E come non ricordare che si tratta di risorse limitatissime e che di certo 50 euro al mese in più per famiglie di 5 o più componenti non modificano nulla?
Ma è tutto l’impianto della manovra che non va: che continua con la politica degli incentivi e delle risorse a pioggia alle imprese, non investe sul welfare, a partire dalla sanità, dà il via libera al nuovo inaccettabile aumento dell’età pensionabile, continua con le privatizzazioni e la restrizione del ruolo pubblico.

Siamo infine sinceramente atterriti dalla possibilità di un “nuovo Jobs Act”: con quello che c’è già stato è stata sancita la piena “libertà” di licenziamento illegittimo per i nuovi assunti, la massima precarizzazione del lavoro tra acausalità del contratto a termine e voucher vecchi e nuovi, il demansionamento, la videosorveglianza…. Tutto mentre alle imprese si regalavano 18 miliardi solo di decontribuzione, per un totale di oltre 40 nel triennio, tra Irap, Ires e incentivi di ogni tipo.

Molti soldi per le imprese, mentre il lavoro è stato riportato alla condizione servile. Che altro vuole fare Renzi?
E’ decisivo che si determini la più ampia mobilitazione contro la legge di bilancio e che si vada davvero allo sciopero generale per riprendersi i diritti e la dignità del lavoro».