Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

MIGRANTI, ACERBO: "ONG SALVANO VITE, POLITICANTI COME GASPARRI, MELONI ED ESPOSITO SONO MOSTRI"

Pubblicato il 3 ago 2017
COMUNICATO STAMPA

Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea, dichiara:
«Da Gasparri alla Meloni fino a Esposito ormai si è scatenato un pogrom contro le Ong. Ormai il Pd è indistinguibile dalla destra anche sul fronte del razzismo. Le Ong salvano vite umane, mentre i politicanti di maggioranza e opposizione avvelenano il dibattito pubblico. La violenza di certe affermazioni, di fronte alle tante persone morte in mare e ai racconti di chi è sopravvissuto, è inaudita. Ma non ci stupisce, dato che viene da gente senza scrupoli che ha votato a favore nel 2011 dell’aggressione militare e della distruzione della Libia. Questi politicanti xenofobi di tutti gli schieramenti sono dei mostri che non meritano rispetto. Tornano in mente le profetiche parole di Pasolini: “l’uomo medio è un mostro, un pericoloso delinquente, conformista, razzista, schiavista, qualunquista”. Non troviamo migliore definizione per questo schieramento trasversale che va da Di Maio a Salvini passando per gli Esposito e i Gasparri.
Noi stiamo dalla parte delle ong senza se e senza ma: bisogna attivare corridoi umanitari e garantire il salvataggio dei migranti in mare. Rispedirli in Libia, in centri dove viene praticata la tortura, significa essere corresponsabili di gravi violazioni dei diritti umani. Tutti questi attacchi contro le Ong sono solo fumo negli occhi per non dire la verità e cioè che l’Italia si prepara ai respingimenti indiscriminati, di massa, che sono una vergogna per l’umanità».