Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

L'ULTIMA BEFFA E' DELL'INPS. DUE EURO IN MENO ALL'ORA

Massimo Franchi
da Il Manifesto
07.07.2017

Voucher. La paga oraria per il "Libretto famiglia" era di 10 euro nella legge. Nella Circolare di Boeri cala a 8. La denuncia di Mdp
.
Le sorprese sui voucher non finiscono mai. E sono sempre negative. Se il presidente della Repubblica il 23 giugno aveva inviato una irrituale richiesta al governo di spiegazioni sulla nuova normativa «per evitare possibili abusi» prima di promulgare la legge di conversione della manovrina correttiva che istituisce i nuovi «buoni lavoro», ora si scopre che anche la circolare dell’Inps con cui si gestirà la nuova normativa contiene un’amara sorpresa per i neo-voucheristi: per chi lavorerà con il «Libretto famiglia» – il nuovo strumento per pagare nanny e badanti occasionali – invece dei 10 euro netti l’ora previsti dalla legge la paga cala a 8 euro: i 2 euro di contributi che dovevano essere a carico dei datori – in questo caso le famiglie – sono invece sottratti alle tasche dei lavoratori.

A denunciare la beffa è Giovanna Martelli, capogruppo in commissione lavoro di Mdp. «Nel testo della legge la disposizione relativa alla retribuzione oraria tramite libretto famiglia era chiara: 10 euro con contributi e assicurazione totalmente a carico del datore di lavoro. L’Inps invece scippa due euro ai lavoratori riducendo il costo orario a 8 euro – spiega – . Probabilmente l’interpretazione forzata e scorretta dell’Inps nasce dall’incongruenza che i lavoretti per le famiglie sono pagati un euro in più del lavoro occasionale in azienda (9 euro, ndr), ma la norma non lascia spazio alcuno ad interpretazioni. È la prova di quanto avevamo abbondantemente denunciato: una normativa delicata come quella del lavoro occasionale non poteva essere approvata in fretta e furia con un emendamento ad una manovra economica. Ora il governo deve rimediare. Presenterò un’interrogazione a Poletti», conclude Martelli.

Per il resto la Circolare Inps non fuga assolutamente i dubbi sul rischio abusi che Mattarella, riprendendo le critiche della Cgil e di molti giuslavoristi, aveva chiesto di fugare. Nella risposta il governo sosteneva che l’Inps «emanerà entro il 30 giugno una circolare per illustrare le nuove procedure» e «varerà il 10 luglio la piattaforma telematica che non consentirà l’insorgenza di abusi». Il consigliere economico del governo Marco Leonardi al Sole 24 Ore spiegava: «Si consentirà al lavoratore di accedere alla piattaforma online. In questo modo l’interessato potrà convalidare la prestazione, che quindi non potrà più essere revocata». Ebbene, la Circolare è arrivata con 5 giorni di ritardo, ma non chiarisce affatto come evitare che il datore di lavoro possa cancellare l’attivazione dopo 72 ore (3 giorni) non avendo avuto alcun controllo. E dunque pagare tranquillamente in nero il neo-voucherista. Esattamente come prima.

L’altra sorpresa della circolare Inps la autodenunciano i consulenti del lavoro: «Per attivare le prestazioni i datori potranno rivolgersi anche a noi come intermediari abilitati». Un regalo del governo a loro. E mica da niente. Si faranno lautamente pagare.