Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

SCIOPERO TRASPORTI, LAVORATORI PRECETTATI, PRC : << GIÙ LE MANI DAL DIRITTO DI SCIOPERO>>

24.06.2017
Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea
Enrico Flamini, segreteria nazionale di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea, responsabile Lavoro

.
Il ministro Delrio ha deciso di precettare i lavoratori del trasporto pubblico che avevano proclamato uno sciopero di 4 ore per lunedì 26 giugno e di differire ad altra data lo sciopero stesso.
Perché? Delrio ha motivato la decisione sostenendo che va garantito il diritto costituzionale alla libera circolazione e che lunedì farà troppo caldo per autorizzare uno sciopero nel settore del trasporto pubblico locale.
Intanto occorre ricordare che ministero e commissione di garanzia avevano ritenuto regolare lo sciopero. Dopodiché i disservizi o la mancanza di climatizzatori sui mezzi non sono certo responsabilità dei lavoratori e dei sindacati, ma di governi che negli ultimi anni sono stati capaci soltanto di privatizzare e tagliare risorse.
Detto questo, la misura questa volta ha colpito USB, a cui va tutto il nostro sostegno, ma è del tutto evidente che ad essere sotto attacco sono i lavoratori e i loro diritti.
Per questo torniamo a chiedere alle forze della sinistra di costruire un fronte unitario di mobilitazione nella società e in Parlamento per opporci tutte e tutti insieme ai provvedimenti di Delrio & c.: giù le mani dal diritto di sciopero.
.