Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA CONTRO IL TTIP

22.09.2016

Volentieri pubblichiamo una notizia pervenuta dal Circolo di Vetulonia-Castiglione della Pescaia (GR).

VETULONIA
Il Circolo di Rifondazione Comunista di Vetulonia- Castiglione della Pescaia e la Federazione Provinciale del PRC di Grosseto, plaudono al Consiglio Comunale di Castiglione della Pescaia, primo ed unico comune della Provincia di Grosseto, che nella seduta del 22.9.2016 ha approvato all’unanimità la mozione contro TTIP (Trattato Internazionale di Libero Scambio fra Europa e StatiUniti), promossa e voluta dalla componente di Rifondazione Comunista della maggioranza del governo castiglionese, che ha aderito alla campagna nazionale STOP TTIP.
Il documento votato impegna il Comune a promuovere azioni in tutte le sedi e il ritiro da parte del governo italiano nell’ambito del consiglio europeo di questo trattato o la sua non approvazione da parte del Parlamento europeo. Il TTIP è un negoziato in corso tra Usa e Ue con l’obiettivo di eliminare tutte le ”barriere non tariffarie” e cioè di legislazioni nazionali a tutela della salute, dell’ambiente, del lavoro, ecc potenziando così la totale libertà di investimento delle società, quasi sempre multinazionali. Questa trattativa, che sta avvenendo in grande segretezza da tempo, avrà conseguenze molto negative per i cittadini sul piano economico commerciale, su quelle delle autonomie politiche sovrane, ma soprattutto per la ricaduta nefasta sul nostro stile di vita.