Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

I NUOVI TAGLI PER LA SPESA SANITARIA CHE VERRANNO

Il Governo sta preparando il Documento economico finanziario 2016.

La Corte dei Conti ha partecipato all’audizione presso le Commissioni Bilancio di Camera e Senato e in quella sede, per quanto riguarda la spesa sanitaria, ne ha rilevato un aumento imprevisto nel 2015, ma ha sottolineato che il DEF non precisa quali ne siano le cause: se l’incremento sia riconducibile alle difficoltà di strumenti come pay back e ticket, o alla non attuazione di misure di controllo della spesa, a nuovi farmaci…

“Una valutazione indispensabile per poter riorientare le scelte in tema di strumenti da porre a disposizione delle Regioni per la gestione della spesa sanitaria”. Osserva la Corte dei Conti.

Sarebbe come dire che, nonostante i molti tagli degli ultimi anni e la evidente diminuzione dei servizi ai cittadini (liste d’attesa, diminuzione di posti letto, tagli al personale…) la spesa complessiva aumenta e non si sa bene come mai!

Alla faccia della capacità del Governo di “FARE”.

Ma quello che risulta assolutamente chiaro dal documento dell’audizione sono i tagli per i prossimi anni: “alla revisione della spesa per 2.352 milioni già considerata nel quadro del Def 2015, sono seguite le ulteriori riduzioni previste per il 2016 (per oltre 2 miliardi con corrispondente riduzione del fabbisogno sanitario nazionale standard) e la decisione, maturata in occasione dell’approvazione dell’Intesa Stato Regioni dello scorso 11 febbraio, di prevedere che, dei risparmi richiesti alle Regioni dalla legge di stabilità 2016, gravino sul settore sanitario 3.500 milioni (dei 3.980 milioni) nel 2017 e 5.000 milioni (sui 5.468 milioni) nel 2018”.

Si prevede infatti nel Documento di economia e finanza che la spesa sanitaria in percentuale sul Pil scenderà dall’attuale 6,8% – quota già inferiore rispetto alla media dei Paesi Ocse, – al 6,7% del 2017 e al 6,5% nel 2018.

È allora utile riproporre il DEF 2014, vedi tabella qui sotto, nel quale si prevedeva una diminuzione del rapporto spesa sanitaria/pil assai più lenta della attuale: in due anni di Governo Renzi crollano anche le sue già brutte previsioni di abbassamento della spesa sanitaria.

Si prepara in sostanza un nuovo pesantissimo taglio al Ssn, pari a 3,5 miliardi nel 2017, che nel 2018 arriverà a 5 miliardi. È una prospettiva che non lascia dubbi sulla volontà di abbandonare la questione primaria della tutela della salute dei cittadini (“fondamentale” la definisce la Costituzione nell’art.32) e di continuare ad usare le risorse da destinare alla sanità per altri scopi a copertura della politica economica del Governo che fa acqua da tutte le parti.
Vedi tabella Ssn